Soldi

Come si Registra il Contratto di Locazione

Se hai un immobile, e stipuli un contratto di locazione, l’Agenzia delle Entrate ti chiede di registrarlo presso i propri uffici locali, o per via telematica, in un tempo definito, che però non deve superare i 30 giorni dalla data della stipula del contratto stesso. Un esempio di tale contratto, può essere quello riguardante la locazione per studenti universitari.
Vediamo come fare.

Il primo passo da fare è quello di procurarti i moduli 69 e F23. Puoi farlo utilizzando Internet e, collegandoti al sito dell’Agenzia delle Entrate, alla voce modulistica e, scaricandoli in versione cartacea o, in alternativa, rivolgendoti ad uno degli sportelli locali dell’Agenzia stessa. Con il modello F23, dovrai poi recarti presso la tua Banca o, ad un Ufficio Postale e, procedere al versamento di un importo pari al 2% del canone annuo di affitto. Il codice tributo per il primo anno è 115T e, per l’intero periodo è 107T.

Ora, compila il modulo 69 e, portando con te due copie del Contratto di Locazione con firma originale e, la quietanza di pagamento dell’imposta versata, non dimenticando di apporre una marca da 10,33 euro ogni 4 facciate scritte del contratto, recati all’Ufficio Locale dell’Agenzia delle Entrate. Questo Ufficio, non deve per forza essere quello competente, per territorio, rispetto al tuo domicilio fiscale.

Recati quindi allo sportello e, presenta per intero la documentazione. Ti verrà rilasciata una ricevuta della Avvenuta Presentazione e, ti sarà comunicata da subito, la data in cui ti sarà consegnata una copia dell’atto, regolarmente registrato. Puoi anche scegliere, di registrare il tuo Contratto di Locazione per via Telematica e, in questo caso, il pagamento delle Imposte è contestuale alla Registrazione del Contratto stesso.

read more

Come Valutare Investimenti in Oro

Un investimento in monete d’oro richiede la conoscenza di vari punti chiave, per valutarne la redditività e capire se, come e quanto capitale riservare a questo ramo degli investimenti in oro fisico.

Assieme all’acquisto di lingotti d’oro, la tipologia di investimento in monete è certamente la più diffusa in assoluto nel mercato dell’oro fisico. Per questo motivo, andiamo ora a capire come valutare questa particolare azione, scoprendo quanto può rendere rispetto alle altre forme di oro e i suoi lati positivi e negativi.

Quando effettuare un investimento in monete d’oro?
La domanda se la pongono molte persone ogni giorno, soprattutto chi per la prima volta decide di riservare una parte dei suoi risparmi all’oro fisico.

Investire in monete d’oro può fare al caso vostro in determinati casi, risultando la forma opportuna al cospetto di lingotti, azioni e altri titoli cartacei quando non avete grosse somme da investire.

Caratteristica fondamentale dell’investimento in monete d’oro è infatti la dimensione ridotta del bene che andiamo ad acquistare. Rispetto ai lingotti che possono arrivare a pesare diversi chilogrammi, infatti, le monete favoriscono varie tecniche di investimento in quanto più facilmente frazionabili, contraddistinte da un peso nettamente inferiore che può andare incontro a chi vuole investire meno denaro rispetto al costo di un lingotto.

Se acquistiamo un lingotto d’oro, durante il periodo di investimento abbiamo due scelte: tenerlo o venderlo. Come alternativa, un investimento in monete d’oro di peso analogo a quello del lingotto ci offre la possibilità, dopo un certo periodo, di venderne anche soltanto una parte in base all’andamento del mercato, tenendo per noi le restanti monete e proseguire così l’investimento.

Rispetto alle forme cartacee di investimento in oro, vale a dire i fondi comuni di investimento ETF, le monete (così come i lingotti) hanno il vantaggio di offrire ai possessori un maggior grado di sicurezza e volatilità, dal momento che avendo a disposizione oro fisico non dobbiamo passare tramite intermediari per averne accesso, nel caso in cui dovessimo avere scopi di vendita. Per molti, inoltre, il fascino dell’oro è irrinunciabile anche se parliamo di investimento.

Il segreto dell’investimento in monete d’oro
Oltre a quanto appena visto, un investimento in monete può portare un beneficio a cui probabilmente non avevate pensato, ma che in realtà si è già verificato in passato.

Viste le proprietà che contraddistinguono questa forma di oro fisico, in periodi di rialzo a lungo termine nel mercato dell’oro si presenta, così come per le altre forme, un aumento della domanda.

Mentre i lingotti rimangono facilmente reperibili, in caso di maggiore domanda l’offerta di monete d’oro potrebbe non accontentare tutti. Di conseguenza, può capitare che il prezzo delle monete d’oro diventi perfino superiore rispetto al contenuto effettivo dell’oro nella moneta. Esempio pratico accadde nel 1980 con le Marengo, che arrivarono ad un valore doppio rispetto al loro valore in oro.

read more

Come Individuare un Assegno Falso

Un assegno, per essere completo, occorre che abbia indicato l’importo in numero, seguito da quello in lettere, più /00, il beneficiario per l’incasso e la firma del titolare del conto corrente, relativo al blocchetto di assegni da cui viene staccato. L’assegno necessita poi di essere “non trasferibile”. Tuttavia, il vero e proprio primo problema reale è relativo alla sua copertura. In tal senso, può verificarsi nel caso di emissione di un assegno non tanto falso in sé e per sé, ma legato ad un conto corrente ormai estinto.

Dalla mia esperienza personale, ho visto che ciò non capita quasi mai con le banche (che chiedono indietro i blocchetti degli assegni quando chiudi il conto corrente), ma talvolta invece con Posteitaliane, in cui ho avuto modo di notare degli assegni non validi, in quando relativi a conti correnti chiusi e spesso anche da parecchio tempo. Questo è un primo elemento a cui prestare attenzione.

Poi, ci sono i casi sospetti in cui il soggetto che ti paga l’assegno pretende un nostro versamento anticipato, che poi provvederà a restituirci nell’assegno che ci verrà fatto da lui in un periodo successivo. Qui scatta il primo campanello d’allarme di una possibile truffa, legata ad un assegno che può essere falso. Non è detto che sia falso in quanto non semplicemente coperto da un adeguato deposito sul conto corrente bancario. Infatti potrebbe essere falso semplicemente per il fatto che la persona che lo emette non è autorizzata a farlo, o perché l’azienda che lo stacca è fallita e via dicendo.

Nel caso più frequente di incasso mediante controllo sulla copertura dell’assegno, non solo i tempi si allungano molto (un anno e anche più), ma c’è anche il concreto rischio che la banca pagante il relativo controvalore, ne reclami indietro i soldi, nel caso che non solo un assegno risulti falso, ma quanto meno dubbio e per certi versi anomalo. Per riconoscere se un assegno è falso occorre innanzi tutto chiedere conferma alla banca emittente.

Naturalmente, è meglio farlo prima ancora di accettarlo, anche ti mette in difficoltà per il semplice fatto di diffidare di chi hai davanti. Tuttavia, di questi tempi, con le truffe che ci sono in giro, è quanto meno lecito. Poi, occorre quindi verificare se la persona che paga con l’assegno sia autorizzata a farlo. Quindi, bisogna controllare che l’assegno sia stato compilato in maniera corretta nei vari campi che lo contraddistinguono, seguendo quanto riportato in questa guida su Assegni.net. Infine, occorre verificare che, per quanto concerne la sua emissione, rispetti la legge che disciplina la materia. Ossia, che rientri nei limiti e nei modi da essa descritti.

Per quanto concerne assegni provenienti dagli Stati Uniti, è stato poi attivato un numero di telefono per controllare la qualità dell’assegno emesso. Si tratta dell’ 1-900-868-2995 ed ha un costo di 5 dollari. Tale servizio permette verificare un conto corrente bancario e la veridicità dell’assegno ed ogni chiamata è valida per la verifica di due controlli sui relativi assegni. Insomma, bisogna stare attenti, perché si rischia di non vedere il becco di un quattrino e di incorrere in delle noie burocratiche e legali, che fanno perdere anche tempo, oltre che denaro.

read more

Come Investire in Lingotti d’Oro

L’acquisto di lingotti d’oro è uno dei diversi modi attraverso i quali investire nel metallo prezioso. Sebbene si tratti di un’opportunità in buona parte sostituita da modalità che prevedono la dematerializzazione del bene oggetto di investimento, l’acquisto di lingotti è oggi una pratica ancora diffusa sul mercato italiano. Cerchiamo quindi di comprendere come acquistare lingotti d’oro, ed effettuare un investimento consapevole in questo importante bene rifugio.

Cosa sono i lingotti d’oro
Il primo punto da chiarire è cosa siano i lingotti d’oro. Sebbene oggetto di futuro approfondimento per quanto attiene le caratteristiche tecniche, possiamo certamente ricordare, fin d’ora, come i lingotti d’oro non siano altro che il risultato di una tecnica che prevede che l’oro fusso venga fatto colare in appositi stampi. Successivamente alla pressione sullo stampo, e alla conseguente incisione, si ottengono dei lingotti contraddistinti in maniera univoca da un numero di serie, dall’indicazione del peso e della taglia, e dal nome del produttore. Generalmente la vendita del lingotto è accompagnata da un certificato che ne attesta l’autenticità.

Scegliere l’entità dell’investimento
Una volta compreso cosa sia il lingotto, occorre entrare nel vivo della propria strategia finanziaria, e scegliere quanto investire in questo metallo prezioso. Il nostro consiglio, in un’ottica di congrua differenziazione, è quello di non impiegare più del 10-15% del proprio denaro su un unico asset o su un’unica tipologia di impiego. Ne deriva che, se i vostri risparmi ammontano a 20.000 euro e desiderate investirne la metà (mantenendo quindi 10.000 euro per spese personali), non investite in oro più di 1.000 – 1.500 euro.

Dove mettere i lingotti
Prima di acquistare i lingotti è bene cercare di capire dove andare a riporli. Considerando totalmente incongrua la scelta di tenerli con sè in casa (una opzione che, in evidenza, è estremamente rischiosa), val quindi la pena comprendere quale sia la struttura nella quale depositare i lingotti. La risposta è generalmente riconducibile al ruolo delle banche, che in molti casi (soprattutto nelle filiali di maggiori dimensioni), hanno dei caveux appositi per questo genere di operazioni. In alternativa, è possibile accertarsi della possibilità di poter utilizzare una comune cassetta di sicurezza per il deposito del lingotto. In ogni caso, ottenete le giuste informazioni sulle assicurazioni per le varie tipologie di peso e di deposito. Se invece volete depositare i lingotti in casa propria, cercate di farlo all’interno di una cassetta di sicurezza riposta in luogo sicuro, con caratteristiche antincendio.

Quale lingotto acquistare
Una volta fatto ciò, occorrerà scegliere quale lingotto acquistare. La tipologia più acquistata è il lingotto da 1 kg o 32,15 once: si tratta tuttavia di una tipologia piuttosto costosa e, seppur dalle caratteristiche indubbie di maneggevolezza, altresì una tipologia che potrebbe essere al di fuori della portata della maggior parte dei risparmiatori.

Pertanto, se desiderate un investimento più ristretto, potete dedicarvi ai lingotti da un’oncia (31,1 grammi), molto popolari tra i piccoli investitori in alternativa alle più tradizionali monete d’oro. Esistono altresì in commercio dei lingotti da 10 once (311 grammi), e lingotti di altre dimensioni e pesi.

Dove comprare i lingotti
Comprare i lingotti non è difficile: dalle banche alle società specializzate nella compravendita di oggetti in oro, passando per i venditori privati, le possibilità di poter mettere le mani su un bel lingotto d’oro non mancano di certo. Cercate piuttosto di comprendere quale sia il prezzo dell’oro oggi sul mercato, e se sia più conveniente attendere tempi più propizi o chiudere subito la transazione.

Come mezzo di pagamento, considerato il presumibile controvalore dell’operazione, potete alternare la scelta degli assegni al bonifico bancario. A questo punto, non vi rimane che depositare il lingotto e attendere che si apprezzi.

read more

Come Funziona il Rating

Il rating, detto anche valutazione, è un metodo utilizzato per classificare gli stati in base al loro merito creditizio. Viene espresso attraverso un voto in lettere, in base al quale il mercato stabilisce un premio per il rischio da richiedere allo stato per accettare quel determinato investimento. Vediamo come funziona questo processo.

I rating sono periodicamente pubblicati da agenzie specializzate, principalmente Standard and Poor’s, Moody’s e Fitch Ratings.
Scendendo nel rating, aumenta il premio per il rischio richiesto e quindi l’emittente deve pagare uno spread maggiore rispetto al tasso risk free.
Un declassamento del rating di soggetti pubblici particolarmente indebitati, come spiegato in questa guida su Dizionarioeconomico.com, ha la conseguenza a breve termine di provocare un rialzo degli interessi applicati ai prestiti in corso, e quindi un aumento degli oneri finanziari. Il debitore potrebbe cedere beni immobili e mobili di sua proprietà a prezzi di realizzo, per evitare un peggioramento del rating.

Non raramente, la maggiore fonte di finanziamento dei costosi studi che portano a valutare il rating, non sono le agenzie di stampa e la comunità finanziaria, ma le stesse società emittenti oggetto dell’indagine e singoli investitori con molta liquidità. In questi casi, è evidente un conflitto d’interessi.
Infatti, per avere un rating, uno Stato deve rivolgere una richiesta esplicita a una delle agenzie di rating. Il servizio è a pagamento. Ottenuto l’incarico, l’agenzia inizia l’analisi dello Stato.
L’analista incaricato attinge da informazioni pubbliche, studia i fondamentali economici e finanziari e incontra i dirigenti statali per raccogliere tutte le informazioni necessarie. Solo dopo questa analisi è possibile esprimere un voto sull’affidabilità creditizia dello stato che ha richiesto il rating.

Terminato il lavoro dell’analista, entra in azione un comitato. Sarà, infatti, un organo collegiale, e non un singolo analista, a valutare tutto il materiale raccolto e ad esprimere un giudizio sotto forma di rating. In seguito, il rating viene votato a maggioranza dal comitato, formato da esperti del settore in cui opera la società che si sta valutando.
Dopo la votazione del rating, questo viene comunicato allo Stato richiedente. Esso può appellarsi, fornendo informazioni aggiuntive e chiedendo di avere un’ulteriore analisi. Il comitato può, se lo ritiene necessario, riunirsi e deliberare di nuovo sul rating alla luce delle informazioni aggiuntive, decidendo di cambiare il voto o di mantenere quello deciso in precedenza.

Una volta notificato il rating allo stato che ha voluto farsi valutare, si passa alla pubblicazione. Lo stato può chiedere che il rating non venga pubblicato: in tal caso resterà riservato e non di pubblico dominio. In caso di pubblicazione, invece, il rating diventa noto al mercato. Da questo momento in poi l’agenzia di valutazione tiene sotto monitoraggio il rating, per valutare eventuali promozioni o declassamenti.
Un modello differente prevede che gli studi siano finanziati dalla comunità finanziaria, che compra un quotidiano economico a diffusione di massa e a basso costo, tale da rendere accessibile in modo tempestivo (come quotidiano) e a un largo pubblico l’informazione finanziaria. Una seconda entrata deriverebbe dalle agenzie convocate tempestivamente in conferenza stampa, non appena siano acquisite informazioni price-sensitive. Tuttavia, è difficile dire quanto un modello di business così etico sia remunerativo dei costi della struttura. Quando l’informazione tempestiva è comunque obbligatoria per legge, il potere contrattuale maggiore è di chi fruisce le notizie, non di chi le produce.
Un problema viene a crearsi quando i risultati di uno studio di settore non aggiungono nessuna informazione che possa cambiare rating, e semplicemente confermano la solvibilità dell’emittente e il rating attuale. Non c’è rating sottovalutato per titoli da comprare, né rating sopravvalutato per titoli da acquistare, e in definitiva informazione che qualche acquirente abbia interesse a comprare. Lo studio è comunque un costo sostenuto da remunerare.

Davanti al declassamento di uno stato la comunità finanziaria raramente non reagisce con un deprezzamento, privilegiando le decisioni degli analisti rispetto alle ragioni portate dall’emittente. In questo senso, si è parlato di “dittatura degli analisti”, per il potere di condizionare l’economia riconosciuto loro dal mercato che in parte non tiene conto dei conflitti d’interesse talora esistenti, in altra parte è relativamente interessato ad un rating veritiero. Un declassamento o una sovrastima del rating aprono (a chi ha le giuste informazioni) occasioni di guadagno speculativo.
Spetta alle authority nazionali il riconoscimento delle tipologie di attività nelle quali il rating rilasciato da un’agenzia ha valore “ufficiale”, e può essere utilizzato secondo quanto previsto dalle leggi vigenti. Ad esempio, l’authority nazionale indica le Agenzie di Rating (ECAI) la cui valutazione può essere usata per gli accantonamenti di capitale previsti da Basilea II. La Banca dei Regolamenti Internazionali (BIS) indica i criteri internazionali di valutazione per la Agenzie di Rating, che le banche centrali devono applicare.

Ecco la tabella dei rating formulati normalmente dalle agenzie
Standard and Poor’s
AAA Elevata capacità di ripagare il debito
AA Alta capacità di pagare il debito
A Solida capacità di ripagare il debito, che potrebbe essere influenzata da circostanze avverse
BBB Adeguata capacità di rimborso, che però potrebbe peggiorare
BB, B Debito prevalentemente speculativo
CCC, CC Debito altamente speculativo
D Società insolvente

Moody’s
Aaa Livello minimo di rischio
Aa Debito di alta qualità
A Debito di buona qualità ma soggetto a rischio futuro
Baa Grado di protezione medio
Ba Debito con un certo rischio speculativo
B Debito con bassa probabilità di ripagamento
Caa, Ca, Investimento ad alto rischio
C, Realistico pericolo di insolvenza

Il rating è una sorta di pagella di solvibilità attribuita a uno stato. Processo che, in alcuni casi e per molteplici ragioni, può dare adito a fenomeni speculativi. Risulta essere innegabile che gli analisti coinvolti abbiano un forte potere di condizionamento sull’economia.

read more