Cosa Bisogna Sapere Prima di Investire in Borsa

A volte capita che un’azienda abbia dei surplus di denaro da investire in altre attività differenti dal proprio “core business”.
Il luogo privilegiato per investire i soldi in surplus è senza dubbio la borsa. Ma come ogni altra attività, anche la borsa non è esente da rischi.

La borsa è una gran bella invenzione, se fai un buon investimento puoi riuscire a raddoppiare il capitale investivo in un tempo relativamente breve… ma è anche molto rischiosa, basta veramente molto poco per perdere tutto il denaro investito.
Per questo ho preparato un breve decalogo utile a prevenire “brutte sorprese” in caso di investimenti rischiosi come la borsa valori.

Verifica chi sia l’interlocutore
Se tratti con l’impiegato o il direttore della tua banca non ci sono problemi a identificare la serietà del tuo interlocutore. Egli agisce per nome e per conto di un istituto finanziario certo, quindi la serietà è garantita
Al contrario, se ti affidi ad un promotore finanziario chiedi il tesserino di riconoscimento o la lettera d’accredito della banca per verificare l’intermediario (banca, SIM, SGR, ecc.) per il quale opera.
Comunque, in entrambi i casi, possono proporti solo i prodotti acquistabili presso o tramite la banca e/o società finanziaria per la quale operano. Se ti propongono prodotti “strani” o “sospetti”, diffida.

Alto rendimento uguale rischio elevato.
Il rendimento è collegato al rischio del pagamento delle cedole e del rimborso a scadenza. Non esistono titoli a rischio zero. Non esistono titoli a rischio basso, medio e alto. L’alto rendimento va a braccetto con il rischio.
Quindi, e ricordatelo bene, più elevata è la promessa di rendimento, più è a rischio il capitale investito.
Inoltre, esistono delle agenzie internazionali, come Moody’s Standard & Poor’s e Fitch, che attraverso un rating valutano al rischiosità di un progetto. Chiedi al tuo interlocutore se i titoli che ti vengono proposti hanno il rating ed eventualmente quale e fatti spiegare con chiarezza il suo significato.
Se il prodotto offerto è privo di rating, raddoppia la cautela e diffida.

Decidi tu.
Fatti lasciare dal tuo interlocutore la documentazione (peraltro obbligatoria) concernente le condizioni e il rischio dell’investimento che ti sta proponendo.
Ricordati, le promesse e le parole non valgono. L’unica cosa che conta è quello che c’è scritto nella documentazione.
Leggiti con calma tutta la documentazione prima di prendere qualsiasi decisione; se non hai tutto chiaro, fatti aiutare da qualcuno più esperto di te; internet è una preziosa fonte di informazioni

Diffida dei prodotti complessi.
In genere i prodotti complessi o derivati, come i swap, option, futures e obbligazioni subordinate, sono difficilmente comprensibili al semplice risparmiatore e il loro acquisto rischia di essere un atto di fede nella banca o nel “venditore”.
I prodotti migliori per i risparmiatori sono quelli quotati sui mercati ufficiali e regolamentati dalle istituzioni, dove è più facile controllare l’andamento dei titoli.
Inoltre, se acquisti prodotti in una valuta diversa dall’euro, devi anche tener conto delle oscillazioni del mercato monetario.

Controlla tutti i costi.
Prima di sottoscrivere qualsiasi contratto di compravendita fatti spiegare e fai riportare chiaramente nel contratto tutti costi, diretti e indiretti (come, per esempio, le spese di commissione, le spese di deposito amministrativo, i costi sul conto corrente…), che dovrai sopportare durante l’investimento.

Firma il contratto.
Ogni acquisto di un qualsiasi prodotto finanziario deve avvenire esclusivamente con la firma scritta sul contratto. No a moduli firmati in bianco o altre amenità del genere.
Gli assegni non devono mai essere firmati in bianco o intestati al promotore o all’impiegato di banca, da devono essere intestati esclusivamente alla banca o alla SIM o all’SGR.
Mai consegnare denaro contante. Mai accettare e firmare proposte che vengono da siti internet non certificati.
Inoltre ti deve essere consegnata immediatamente la copia dell’ordine d’acquisto con le eventuali clausole particolari o in deroga.
Se decidi di operare online utilizza solo siti certificati e conosciuti, inoltre fai una breve ricerca su internet per verificare la loro professionalità.

Cambia investimento solo quando sei convinto.
Cambiare investimento non è sempre un buon affare per te. I costi per lo switch si possono rivelare particolarmente salati quindi oltre al danno (investimento non alle nostre aspettative) si aggiungerebbe anche la beffa (costi di switch alti!!)

Diffida dei mediatori non autorizzati.
In Italia, gli unici autorizzati a proporre un investimento finanziario sono le Società di intermediazione mobiliare (note come SIM), le banche operanti nel nostro paese, le società di gestione del risparmio (note come SGR), gli intermediari finanziari iscritti all’albo tenuto presso la Banca d’Italia, gli agenti di cambio e le banche e le società straniere autorizzate.

Dove reclamare
Se ritieni che l’intermediario non abbia svolto bene il suo lavoro, puoi fare un esposto all’ufficio reclami dell’intermediario (banca, società finanziaria, ecc.). Questo è obbligato a risponderti entro 90 giorni.
Se non sei soddisfatto e se il danno subito non supera 10.000,00 euro puoi rivolgerti all’Ombudsman bancario. I ricorsi sono gratuiti.
Inoltre puoi esporre reclamo alla Consob e alla Banca d’Italia, nonché presentare una denuncia alla magistratura per far valere i tuoi diritti
Ogni reclamo deve essere presentato in forma scritta e motivato

Associazioni dei consumatori.
Ricordati che le Associazioni dei Consumatori sono al tuo fianco per un consiglio, una
consulenza, per aiutarti a presentare un reclamo o fare un esposto. Se hai qualche dubbio, non esitare a contattarle prima di firmare qualunque contratto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *