Come Risparmiare Energia Elettrica

Le possibilità di risparmiare il costo dell’energia elettrica sia in casa che in ufficio, oppure in azienda, è possibile grazie a una serie di consigli utili da mettere in pratica, che solo in parte dipendono dal tipo di servizio scelto (tariffa monoraria o bioraria) e dal suo gestore ed ancora dal consumo energetico associato alle apparecchiature ed elettrodomestici impiegati (la cosiddetta classe energetica), in quanto un peso notevole è legato alle abitudini ed all’uso che se ne fa.

Il primo passo per risparmiare su una bolletta della fornitura elettrica è comunque quello della scelta del tipo di tariffa più adatta alle proprie abitudini. Non si può affermare che la tariffa bioraria sia migliore di quella monoraria o viceversa, ma ad esempio se si tratta di una fornitura elettrica domestica, e per questioni lavorative la casa si popola solo nel tardo pomeriggio, per poi svuotarsi al mattino presto, molto probabilmente sono le tariffe biorarie quelle che permettono di risparmiare di più.

Una volta comprese le proprie abitudini, utili risultano essere i comparatori online, che permettono di riassumere le offerte più adatte ai requisiti necessari per la propria utenza, mettendo in evidenza quelli più economici.

Consigli per risparmiare sulla bolletta di casa
Alcune soluzioni sono facili ed intuibili, come la sostituzione delle normali lampadine con quelle a Led, l’eliminazione dell’uso di piccoli elettrodomestici non essenziali (come il bollitore elettrico dell’acqua, il cuoci uova elettrico, ecc), e la sostituzione degli elettrodomestici con quelli ad alta efficienza energetica, facilmente individuabili grazie alla classe energetica associata (da A+ a salire).

La parte più complicata è quella legata alle proprie abitudini, che in molto casi vanno cambiate, ad esempio spegnendo sempre la luce negli ambienti non vissuti in quel momento, aprire il frigorifero solo quando serve, usare lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico (il mezzo carico porta ad un risparmio stimato solo del 20% rispetto al carico pieno), spegnere tutti i sistemi che sono in stand by prima di uscire o di andare a dormire.

Consigli per risparmiare in azienda ed in ufficio sulla bolletta elettrica
Indipendentemente dal tipo di attività svolto in azienda, esclusi i macchinari usati per la produzione, bisogna limitare gli sprechi legati alle illuminazioni di ambienti accessori (la sala per la pausa, i bagni, ecc) per i quali possono essere utili i sensori di presenza che permettono alle luci di accendersi o spegnersi in base all’effettiva presenza dei dipendenti.

Nella scelta dell’illuminazione preferire pochi punti luce a zone con tante luci di minor wattaggio. Negli uffici valgono le stesse regole, ma in più è utile sfruttare il risparmio energetico dei monitor dei pc.

Massima attenzione alle promozioni sulle tariffe elettriche
Il libero mercato, ‘accendendo’ la concorrenza, ha aperto tantissime possibilità per avviarsi sulla strada del risparmio vero.

Tuttavia bisogna fare attenzione alle proposte in promozione, perché spesso ci sono limitazioni che possono sfuggire al momento dell’adesione, come il caso di un kilowattaggio massimo per accedere offerte o ai mezzi di pagamento che permettono di usufruirne le tariffe eventualmente agevolate.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *